Dobbiamo tutelare il gioco d’azzardo legale

Certamente non si può pretendere che tutti i nostri politici comprendano che è giustissimo “lottare per debellare” l’illegalità, ma che è altrettanto giusto tutelare il gioco lecito. Certamente a chi ama il mondo del gioco d’azzardo, può far piacere notare che alcuni gruppi politici finalmente sollecitano il Governo ad intervenire per combattere l’illegalità che è comprovato sia la motivazione principale da perseguire e che ha portato il settore del gioco legale in uno stato di “quasi insolvenza”. Certamente dobbiamo anche ricordare che i concessionari di gioco pubblico hanno “profumatamente pagato” al nostro Stato cifre importanti per poter avviare un’attività, nella quale credono, e che a tutt’oggi si trovano impossibilitati ad esercitare a causa di regolamentazioni “certamente” non perfette che hanno portato alla reintroduzione sul mercato del gioco illegale. Sappiamo che chi gioca, non guarda attentamente dove gioca: basta divertirsi ed il consumatore non è tenuto a vagliare se è presso un concessionario legale oppure no, posto che chi non paga tasse all’Erario, non paga concessioni, non ha né regole né tutele, ha invece la grossa possibilità di offrire al giocatore una più vasta gamma di opportunità di gioco.

Quindi ben venga la lotta all’illegalità, ma che si tuteli sopratutto il gioco lecito che ha dato e darà al nostro Erario,sempre così “voglioso di risorse economiche” ampi contributi finanziari e non fosse che solo ed unicamente per questo motivo andrebbe tutelato, visto che il nostro Esecutivo ha già messo a bilancio gli introiti che gli arriveranno dal comparto del gioco.

Bookmark the permalink.

Comments are closed.