Dobbiamo tutelare il gioco d’azzardo legale

Certamente non si può pretendere che tutti i nostri politici comprendano che è giustissimo “lottare per debellare” l’illegalità, ma che è altrettanto giusto tutelare il gioco lecito. Certamente a chi ama il mondo del gioco d’azzardo, può far piacere notare che alcuni gruppi politici finalmente sollecitano il Governo ad intervenire per combattere l’illegalità che è comprovato sia la motivazione principale da perseguire e che ha portato il settore del gioco legale in uno stato di “quasi insolvenza”. Certamente dobbiamo anche ricordare che i concessionari di gioco pubblico hanno “profumatamente pagato” al nostro Stato cifre importanti per poter avviare un’attività, nella quale credono, e che a tutt’oggi si trovano impossibilitati ad esercitare a causa di regolamentazioni “certamente” non perfette che hanno portato alla reintroduzione sul mercato del gioco illegale. Sappiamo che chi gioca, non guarda attentamente dove gioca: basta divertirsi ed il consumatore non è tenuto a vagliare se è presso un concessionario legale oppure no, posto che chi non paga tasse all’Erario, non paga concessioni, non ha né regole né tutele, ha invece la grossa possibilità di offrire al giocatore una più vasta gamma di opportunità di gioco.

Quindi ben venga la lotta all’illegalità, ma che si tuteli sopratutto il gioco lecito che ha dato e darà al nostro Erario,sempre così “voglioso di risorse economiche” ampi contributi finanziari e non fosse che solo ed unicamente per questo motivo andrebbe tutelato, visto che il nostro Esecutivo ha già messo a bilancio gli introiti che gli arriveranno dal comparto del gioco.

Il gioco d’azzardo illegale torna a farsi forte

La Dia, Direzione investigativa antimafia, di Roma ha compiuto un sequestro di beni pari ad oltre 150 milioni di euro all’imprenditore Gennaro Boanelli, fondatore dei magazzini Mas della capitale: il suo nome è emerso nel corso di un’indagine sulle sue attività di riciclaggio di risorse illecite tra cui il gioco d’azzardo. Guerra aperta quindi al gioco illegale per evitare che questo “allunghi i propri tentacoli” nelle sane e legali attività del comparto che ha già tante difficoltà e che fa fatica, ovviamente, a competere con quelle strutture che legali non sono e che si “servono” del mondo del gioco per celare loschi e poco puliti traffici come il riciclaggio di danaro sporco. Le indagini della Dia hanno appurato che Boanelli è riuscito a reinserire nel mercato regolare risorse illecite attraverso la gestione di attività nel settore dell’abbigliamento, dell’edilizia e del gioco d’azzardo che sono proprio i canali preferiti per il riciclaggio: secondo gli investigatori l’interesse da parte di gruppi camorristici dei Casalesi e del clan Moccia per il Bingo di Casoria nasce proprio per effettuare operazioni d’investimento proprio in quel settore.

Il sequestro effettuato nei confronti di Boanelli è ingente: una lussuosa villa di 1000 mq affacciata sul lago di Castel Gandolfo, il “Montecarlo Bingo” di Casoria sala da gioco di 800 posti a sedere, 56 slot, 2 sale roulette con attiguo ristorante ed altri beni immobili sempre a Casoria, Roma ed Empoli oltre a disponibilità finanziarie, polizze assicurative e fidejussorie, il patrimonio aziendale di varie società con sede a Casoria operanti nei settori immobiliare, edilizio e del gioco d’azzardo.

Il bando per il gioco d’azzardo live del poker

I tre vincoli più evidenti per poter partecipare al bando per il poker sportivo live è che le società siano di capitale con sede nell’Unione Europea, che abbiano concessioni già esistenti e che nell’ultimo biennio abbiano fatturato almeno 1,5 milioni di euro nel comparto gaming: questo bando si farà anche se non si danno date precise di riferimento ma esiste già una legge del 2011 che con l’articolo 24 appunto lo assicura. Ne danno certezza Alberto Giorgetti, sottosegretario all’Economia e Luigi Magistro direttore AAMS.
Questa legge ha fatto nascere parecchi dubbi in relazione alla sua applicazione in quanto sembrerebbero “esenti” dalla partecipazione a questo bando i circoli che non sono società di capitale ma che hanno senza dubbio contribuito a “creare” il mercato del poker sportivo e che continuano ad esserne un “organo trainante”. Sarebbe assurdo non dare l’opportunità di partecipare al bando ad associazioni e circoli che hanno così tanto contribuito alla diffusione del poker sportivo. Come noti legali già affermano esiste il concetto, per dare a tutti pari opportunità e per la libera concorrenza, che le associazioni ed i circoli per poter partecipare al bando per il poker sportivo live dovranno costituire una società di capitale destinata a gestire la concessione di una futura poker room live affidandosi ad una fideiussione a garanzia per poter partecipare al bando. La soluzione, quindi, è stata trovata per dar modo a tutti di poter usufruire di questa iniziativa che prevede un “giro” di grossissimi interessi.

I nuovi giochi d’azzardo online disponibili su betfair

La società britannica CVC, Capital Partners sembra stia valutando la possibilità di una proposta per l’acquisizione di Betfair, ma fino a questo momento si tratta solo di rumors. Una notizia che giunge dopo una serie di risultati che non si possono certo definire positivi da parte del bookie, partendo dalla sua quotazione alla Borsa di Londra. L’interesse dimostrato dalla CVC è possibile, ma non ancora certificato in modo ufficiale e quindi ovviamente i dettagli sono pochissimi e frammentari. Il nuovo CEO di Betfair, Breon Corcoran ha già proposto alcuni possibili rinnovamenti per la piattaforma. Si pensa già ad un ritorno sui propri passi per quanto riguarda i famosi mercati “grigi” che risultano molto complessi a livello giuridico. Ovviamente il taglio dei costi è una priorità così come la voglia di ingrandire il proprio mercato a livello britannico. Il gioco d’azzardo è un business molto grande in Europa e la Gran Bretagna è senza dubbio tra i mercati più attivi. Se tutto dovesse andare avanti come pianificato secondo gli analisti di Jefferies Betfair potrebbe arrivare ad una valutazione di 1.100 centesimi di pound per ogni azione.

Zynga casino online stà per offrire giochi con denaro vero

Zynga si prepara per entrare a tutta forza nel mercato del gioco online con soldi veri. Una rivoluzione per la compagnia che punterà in modo forte su questa nuova (per loro) modalità di gioco. Si tratta infatti dell’esordio per una compagnia importante come Zynga nel gioco real money, già da mercoledì il tutto è attivo in Gran Bretagna con la piattaforma Zynga Poker Plus. Questo nuovo mercato ha fatto schizzare in alto il valore dei titoli in Borsa del colosso dell’intrattenimento online. Vedendo il potenziale del mercato del poker online la società ha deciso di cambiare rotta nella sua politica ed allargare il proprio mercato al gioco con soldi veri sia in Europa che ovviamente nel futuro al mercato statunitense. In un solo giorno lo stock price di Zynga è salito del 15%, un incremento incredibile! Zynga conta di sfruttare al meglio il mercato britannico come rampa di lancio per poi spostare l’attenzione su altri mercati regolamentati in Europa già nei prossimi mesi. L’obbiettivo è poi quello di entrare nel mercato U.S. entro la fine dell’anno 2013. Ovviamente un obbiettivo a lungo termine come conferma Barry Cottle, il Chief Revenue Officer di Zynga con l’idea di puntare tutto sulle piattaforme multiple nei mercati già regolamentati in tutto il mondo.

Ept awards ed i giocatori d’azzardo migliori

Non manca ormai molto all’ennesima tappa dell’EPT con il titolo del EPT di Londra che verrà assegnato a breve ed il field di giocatori che parteciperanno a questo evento è veramente di primissimo livello. La stagione in corso non ha offerto molto ai giocatori italiani e solo Dario Alioto è in lizza per un premio essendo 3° nella classifica Omaha.
Dopo la quinta tappa dell’EPT in Francia non si può che fare una panoramica dei risultati fino a questo momento per i futuri EPT Awards. Abbiamo detto che di italiani non c’è traccia nelle classifiche più importanti, ma Alioto ha almeno 530 punti ottenuti giocando ad Omaha nelle tappe EPT. Nell’ultima tappa a Deauville niente di buono per Aioto, ma continua a stare sul podio dietro a Mikko Turtiainen (Finlandia) con 720 punti e Miltiadis Kyriakides (Grecia) a quota 700. Alioto è il campione in carica di questa disciplina. 8° troviamo Attilio Donato.

Il classifica generale davanti a tutti Jan Bendik (Slovacchia) in grande vantaggio con 2.145 punti. Dietro di lui staccato di 545 punti troviamo Ramzi Jelassi. Primo dei nostri italiani è 21° Angelo Recchia con 700 punti anche grazie alla quarta posizione nella tappa EPT di Sanremo. 40° troviamo Manolo de Vecchis e 49° Enzio Ottaviani, si fa notare anche all’88° posto Giulio Astarita.

Il gioco d’azzardo del poker negli us

Il poker in Italia fa ormai parlare da molto, forse troppo, tempo. La volontà di tutti è quella di arrivare a disciplinare il gioco, ma sembra molto complesso arrivare a regolamentare un settore complesso come quello del poker sportivo in Italia, anche se già dal 2009 c’è una normativa in vigore. A Dicembre è però stato presentato un DL: il “Poker Texas Gaming Act” che prevede  al suo interno anche una forte offerta di cash game. L’iniziativa è stata firmata del senatore dello Stato del Texas, ossia Eddie Rodriguez. L’intento è quello di regolamentare il poker live nello Stato e di vietare ogni forma di gioco in Rete. Per fare questo bisognerà far diventare il poker un gioco di abilità e non un gioco che sia legato semplicemente alla fortuna. Infatti il gioco d’azzardo e le lotterie non sono previste in Texas. La legge prevederà poi l’assegnazione di licenze presso alcuni circoli, case da gioco e sale bingo, con particolare riguardo alle strutture gestite dalle tribù locali che potrebbero così gestire i tavoli 24 ore ogni giorno e questa sarà un’esclusiva. Ci sarebbe una grande offerta anche per i tavoli cash game senza porre limiti ed il rake dovrebbe essere del 10% ed un Cap di 4$. Il tetto massimo posto per i tornei dal vivo sarebbe invece di 10$ per il buy-in. Sela legge sarà approvata vedrà gli operatori tassati con un’aliquota del 18% che verrà calcolata sui ricavi lordi.

Il gioco d’azzardo e le scommesse online di intralot

Intralot, nota casa di casino online con licenza aams, ha deciso di estendere per ulteriori 6 anni la licenza della controllata Totolotek per gestire le scommesse a totalizzatore in Polonia. Si tratta di una decisione che fa comprendere come questo nuovo mercato sia certamente ritenuto importante da Intralot che continuerà con la sua offerta in terra polacca ancora a lungo. Sono oltre 440 le agenzie presenti sul territorio, partendo dal 2005 con l’acquisizione di questa società, la rete di Intralot si è espansa di continuo, oltre che l’ottima offerta di giochi presenti e messi a disposizione da Totolotek. Si tratta di una strategia legata alle scommesse online che non si fermerà ma continuerà nel tempo per cercare di mantenere la leadership su questo mercato. Mr. Fotis Mavroudis ha commentato il rinnovo della licenza con parole chiare, il Managing Director per Europa e nord Africa di Intralot ha dichiarato che la società è molto soddisfatta del lavoro fatto fino a questo momento. Infatti dopo un lungo periodo in Polonia, Totoletek è diventato l’operatore ideale per il rilancio del gioco nel Paese e per soddisfare le esigenze di tutti i giocatori locali. Un mercato in grande espansione che vede appunto Intralot in primo piano nello studio e nella ricerca di nuove strategie per legare il suo nome a quello di brand che possano avere successo nei vari Stati europei e non solo.

I giocatori d’azzardo e di poker migliori

Tom Dwan sta vivendo da più di un anno (circa 16 mesi) una situazione che ha dell’incredibile o quanto meno che deve essere considerata insolita con il suo bankroll congelato su FullTilt Poker. La red room in ogni caso è stata finalmente riattivata ed ha scommesso sull’immagine del giovane grinder. Durante questo periodo il grinder ha in ogni caso spostato tutto il suo gioco sui tavoli high stakes a Macao e secondo molti, tutto questo grazie all’aiuto finanziario di Phua Wei Seng conosciuto da molti solo come Paul Phua. Un allibratore asiatico conosciutissimo e molto ricco di 48 anni, oltre che giocatore di cash game high stakes. In molti lo considera assieme a Tom Hall il vero “burattinaio” dell’azione high stakes dei tavoli di Macao. Lo StarWorld Casino è la sede più conosciuta per le partite di questi incredibili giocatori. Il finanziamento per Dwan funzionerebbe sia a Macao che a Las Vegas e si parla quindi di milioni ogni mese, nonostante possano sembrare briciole per l’uomo, che ha detta di molti, è il più influente in Asia per il gambling, sono sempre un piatto goloso. Lo stesso allibratore, secondo i rumors, ha fatto costruire una fortuna incredibile al famoso magnate americano Sheldon Adelson.  Tutto questo non è sfuggito al Fisco U.S.A. Con particolare riguardo allo stato del Navada e tutto questo potrebbe costare la licenza a Macao per le case di gioco di Adelson.

Unibet casino online: Un brand leggendario

Unibet è uno dei marchi più importanti dell’industria del gioco online in Europa. Si tratta di un titano e in molti vorrebbero avere anche solo una piccola parte dell’esperienza che questo brand è riuscito ad accumulare nel corso del tempo. Al momento in Italia non è tra le piattaforme più utilizzate, ma si tratta di un sito dalle qualità incredibili e basta farci un giro per capirlo.

La possibilità di giocare con moltissimi giochi online è il sogno di tutti gli amanti dei casinò dal vivo e online. Proprio in questo senso Unibet riesce a mettere a disposizione di tutti una piattaforma che può soddisfare le necessità di ogni tipo di giocatore ed il tutto nella sicurezza totale di un sito con licenza AAMS che non lascia mai niente al caso. Il gioco online al suo massimo livello.

Unibet vi mette a disposizione un bonus che può giungere fino a 100 euro sul vostro primo deposito. Grazie a questo tipo di promozione moltissimi giocatori sono in grado di iniziare al meglio la loro avventura online e iniziare a crearsi un bankroll per poter giocare ai più alti livelli. Unibet Casino è una scelta intelligente e sicura sia che abbiate molta esperienza, sia che siate alle prime armi.

Giocare e divertirsi devono essere le due caratteristiche fondamentali per ogni giocatore. In questo senso Unibet vi offre proprio tutto quello che avete bisogno nella sicurezza completa della sua piattaforma certificata AAMS. Avrete un assistenza al cliente che vi aiuterà in ogni momento e la possibilità di giocare con tutti i vostri giochi preferiti di giorno e di notte senza mai soste.